Prestiti personali: alcune considerazioni sulle garanzie

Quando si ha bisogno di un prestito personale la prima cosa a cui si dovrebbe pensare è quella di poter offrire le giuste garanzie alla banca o alla finanziaria a cui si intende fare richiesta.

Come tutti ben sappiamo, infatti, qualsiasi istituto di credito pretende delle solide garanzie reddituali per poter erogare il finanziamento. Come ha sottolineato lo staff di prestitipersonalinews.myblog.it in un recente articolo, è buona norma considerare sempre che la rata non dovrebbe superare il 20% del proprio reddito.

D’altronde con la crisi economica gli istituti di credito sono diventati “meno tolleranti” rispetto al passato e spesso viene richiesta anche la seconda firma a garanzia del capitale erogato. Tuttavia esistono delle eccezioni che sono rappresentate dai cosidetti prestiti personali senza busta paga. Si tratta di prodotti di nicchia che vengono erogati solo in presenza di particolari condizioni e che possono fare la differenza per molte persone che altrimenti sarebbero tagliate fuori dal credito.

Ma la forma più diffusa di finanziamento è quella che prevede la cessione del quinto della busta paga. Il motivo di tale successo? Il finanziamento viene erogato in tempi molto brevi e permette di ottenere un ottimo tasso di interesse. Vediamo nel dettaglio cosa sono e come funzionano questi prestiti.

Prestiti personali con cessione del quinto della busta paga

La busta paga fissa rappresenta, al giorno d’oggi, una delle maggiori garanzie per poter usufruire di prestiti personali, grazie all’ampia diffusione del rimborso tramite cessione del quinto dello stipendio che lascia la massima tranquillità all’utente che trae beneficio dal finanziamento. Ciò avviene grazie al prelievo automatico della somma concordata, che verrà sottratto ogni mese direttamente dalla busta paga del lavoratore, a seguito del suo consenso unito a quello dell’ente presso il quale il dipendente è impiegato.

Concentrandoci sul funzionamento della cessione del quinto, non è complicato capire da cosa deriva il termine e come mai si tratta dell’opzione preferita sia dagli istituti che dagli utenti. Con “quinto” si definisce la parte di stipendio che verrà prelevata per il rimborso ogni mese, che potrà essere pari ad un massimo del 20% sull’importo netto percepito.

Così facendo, l’utente non sarà sottoposto a grossi sacrifici e soprattutto non dovrà preoccuparsi ogni mese di saldare il debito, in quanto la tipologia di prestiti personali in questione prevede il versamento automatico delle rate. Basterà, dunque, informarsi sui tassi e chiedere l’autorizzazione al proprio datore di lavoro, per far partire con la massima immediatezza il prestito.

Miglior Entry Level per Windows Phone

Microsoft Lumia

Se siete interessati al mondo dei Microsoft Lumia e più in generale a quello dei Windows Phone potrebbe allora servirvi una mano per entrare in contatto con una realtà che si sta affermando nel mercato degli smartphone e che in vista del futuro Windows 10 potrebbe godere di un nuovo grande slancio.
Non mancano le soluzioni pensate da Microsoft per gli utenti, ma tra le tante a disposizione noi oggi ci porremmo l’obiettivo di parlarvi del miglior smartphone Windows Phone che potrete acquistare come entry level, ovvero per entrare in contatto con questo mondo senza dover spendere cifre consistenti.

Parliamo infatti del Microsoft Nokia Lumia 530, il device con Windows Phone 8.1 (in attesa di Windows 10 in arrivo il 29 Luglio) che si colloca direttamente tra i migliori smartphone sotto i 100 euro.


Parliamo quindi di un prodotto dal prezzo veramente contenuto, ma non dell’ennesima cinesata o prodotto economico che mostrano il loro basso prezzo praticamente ad ogni occhiata. Parliamo di un buon prodotto che per meno di 100€, per l’esattezza a circa 60/70€, vi mette a disposizione intanto caratteristiche tecniche di tutto rispetto, andiamo in particolare a leggerle nel dettaglio.

DISPLAY
Il display che troviamo è un LCD da 4 pollici con una buonissima densità per pixel pari a 245 ppi, superiore a quasi tutti gli smartphone Android della stessa categoria, cosa che quindi rende questo schermo particolarmente luminoso e definito, per essere il display di un telefono a basso costo.

HARDWARE
Troviamo un ottimo Qualcomm Snapdragon 200 di tipo quad core con frequenza pari a 1.2 GHz, accoppiata ad una Adreno 302 e a 512 MB di memoria RAM, abbiamo inoltre una memoria interna da 4 gigabyte espandibile tramite Micro SD. Caratteristiche più che buone, per un terminale che punta innanzitutto a svolgere il ruolo di telefonino e smartphone base, ovvero messaggistica, internet browsing e poco altro. Non aspettatevi ovviamente prestazioni fulminee, ma l’ottimizzazione Windows Phone si fa sentire su questo modello.

FOTO
Manca la fotocamera anteriore, ed è una pecca per i “malati di selfie”, quella posteriore invece si presenta con un sensore da 5 Megapixel a disposizione, niente di più o di meno di quello che gli altri smartphone della stessa fascia di prezzo offrono.

CONCLUSIONI
Un buon smartphone per entrare in contatto per la prima volta con l’universo Windows Phone e non solo, grazie ad un prezzo bassissimo e caratteristiche migliori di molti dei concorrenti nella stessa fascia di prezzo.

Tagli corti uomo, le tendenze del prossimo autunno

corti-uomo

L’estate è ancora ben lungi dall’esaurire tutta la propria forza, ma è giunto il momento di concentrarsi su quel che accadrà nel corso del prossimo autunno sul fronte dei tagli corti uomo: quali saranno le tendenze dei prossimi mesi in tal senso?

Una prima linea di tendenza non può che essere attribuibile ai capelli corti con ciuffo: un look che fornisce un movimento ideale e permette di ricreare uno stile diverso dal solito, garantendo un buon dinamismo e un minore irrigidimento su look troppo rigorosi. Questo taglio è inoltre molto apprezzato soprattutto da coloro i quali hanno una chioma non liscia, come la mossa e la riccia, che possono trovarsi a proprio agio nella sfoltitura del volume dei capelli dietro e ai lati, per lasciare poi liberi i capelli di sfogarsi nella parte superiore. Nel caso in cui l’evento lo richieda, il ciuffo può essere piegato all’indietro o di lato, rendendo la pettinatura più sobria ed elegante.

Tra gli altri tagli di capelli corti uomo più consigliati c’è anche la soluzione dei corti con frangia, a lungo gettonata per tutti gli uomini stempiati, che in questo modo possono coprire la parte scoperta della propria fronte. Intramontabile, almeno per i prossimi mesi, anche il doppio taglio: un taglio di capelli corti uomo che non ha età, con rasatura forte sulle parti laterali e sulla zona posteriore della testa, per poi accorciare – senza esagerare – quella superiore.

Infine, tra i tagli corti uomo del prossimo autunno, non possiamo che segnalare quelli tirati all’indietro: una pettinatura che richiede un minimo di lunghezza sulla parte superiore (altrimenti i capelli rimarrebbero eccessivamente “sparati” verso l’alto), e che prevede che i capelli siano gettati all’indietro solamente sulla parte superiore, a creare una leggera onda che andrà a creare un discreto volume all’intero viso, regalando inoltre qualche centimetro in più ai ragazzi che non sono proprio… “altissimi”.