Prestiti cambializzati online, migliorano le condizioni familiari

prestiti1

Il settore dei prestiti cambializzati online economici sta ricevendo particolari attenzioni, da parte del pubblico e degli addetti ai lavori, a seguito di un periodo (che dura tutt’ora) in cui prevale la carenza di risorse economiche da destinare a qualsivoglia tipologia di bisogno, primario secondario che sia. Una situazione di emergenza, quindi, che in un modo o nell’altro sta spingendo a migliorare l’offerta in tal senso favorendone l’acquisto mediante la proposizione di tassi agevolati, rate dall’importo modificabile, bonus commerciali e molto altro ancora. Una visione d’insieme dinamica al servizio dei cittadini, sempre più bisognosi di un’assistenza varia e funzionale.

In tutto questo contesto giocano un ruolo fondamentale i prestiti cambializzati online. Si tratta di finanziamenti che vengono erogati tramite l’emissione di cambiali e che possono rappresentare un’ottima opportunità per accedere al credito a condizioni vantaggiose pur avendo poche garanzie reddituali da offrire alla banca o alla finanziaria.

L’evoluzione di questo ambito economico estremamente delicato è giunta ad uno stadio in cui riesce a diversificare il proprio modus operandi adattandosi a quelle che sono le esigenze clientelari. Ne è la prova il miglioramento delle condizioni familiari registrato durante l’ultimo anno, rafforzatesi in maniera concreta grazie anche ad un aumento dello 0’8% del reddito reale disponibile. Uno step beneaugurante per risalire la china e riaffacciarsi su una dimensione civile e sociale che sia in grado di accontentare tutti, dal ceto più agiato a quello meno abbiente. Una svolta necessaria, quest’ultima, per porre l’Italia sullo stesso piano delle potenze economiche internazionali.

Gli indicatori sul clima di fiducia generale, sia dal punto di vista delle società di erogazione creditizia che delle famiglie, registrano livelli di rendimento elevati nonostante la recente volatilità dei mercati. I nuclei familiari, a prescindere dalla loro composizione, beneficiano di tassi di interesse estremamente bassi; inoltre, nei primi mesi del 2015 la ricchezza finanziaria delle famiglie ha registrato una crescita dell’1,8%, che tradotto in termini economici equivale a circa 70 miliardi di euro da ripartire tra i seguenti effetti finanziari: diversificazione del portafoglio, aumento delle attività, combinazioni più efficaci tra rischi e rendimenti. Insomma, un discorso a tutto tondo altamente funzionale.

Al di là di queste valutazioni, è bene ricordare il fondamentale apporto dato da società pubbliche e private in favore della popolazione mediante pianificazioni commerciali a dir poco accattivanti. Prestiti tra privati, prestiti etici, prestiti pubblici, prestiti cambializzati online e molto altro ancora si adeguano, in maniera ineccepibile, a ciò che l’utente desidera ad ogni costo.

Guadagnare con il trading online: la guida completa

trading online

Se in passato le attività in Borsa erano riservate solo agli operatori finanziari, ora è possibile realizzare dei profitti direttamente da casa grazie alle piattaforme di trading online. Aprire un account ed iniziare ad interagire con i mercati internazionali è un’operazione che sta diventando sempre più semplice e richiede poche mosse. Anzitutto occorre selezionare un broker sicuro quanto affidabile, sia che si operi con le opzioni binarie che con i CFD e le valute internazionali del Forex. Affidarsi alle piattaforme che esibiscono nei propri siti ufficiali le licenze degli enti di regolamentazione delle transazioni online è sempre consigliato, in quanto tali autorizzazioni rappresentano delle garanzie di sicurezza per il trader. Una volta selezionato il broker, si potranno scegliere tra diverse tipologie di account, a seconda delle proposte della società, ognuna associata a dei servizi e a dei bonus di benvenuto, che potranno corrispondere ad una quota fissa o ad una percentuale sul primo deposito versato.

La maggior parte delle piattaforme di trading Forex e di CFD richiede dei versamenti generalmente non inferiori a 100 e 200 euro, mentre con le opzioni binarie si potranno attivare conti anche con un deposito minimo di soli 10 euro. Per finalizzare la procedura di attivazione dell’account, viene di solito richiesta la compilazione di un modulo online, al quale andrà allegata una copia scannerizzata di un documento d’identità. Gli sviluppi dell’home banking e dei servizi di pagamento elettronico hanno reso le procedure di deposito presso un broker particolarmente rapide, e molte piattaforme utilizzano i servizi dei più importanti circuiti delle carte di credito, delle prepagate (come PostaPay) e di PayPal, Skrill o Neteller.

Ancor prima di iniziare ad effettuare i primi ordini con gli importi reali nel trading online, si consiglia sempre di dedicare del tempo alle esercitazioni con un conto demo, che consentirà così di acquisire familiarità con le funzioni dell’interfaccia impiegando delle somme virtuali, senza intaccare il capitale reale dell’account. Solo una volta raggiunta una sufficiente dimestichezza con le funzioni dell’interfaccia si consiglia di iniziare il trading vero e proprio, che richiede prontezza di riflessi, capacità di gestione del rischio e abilità nella lettura degli scenari economici in divenire. Un demo account potrà essere utile proprio per affinare queste competenze e non farsi trovare impreparati al momento di affrontare le turbolenze finanziarie del trading online.

Fonte: http://www.tradingonlineguida.com/corso-trading/guadagnare-online/

Come guadagnare con il trading sui CFD 

Chi non ha mai avuto esperienza di trading con le piattaforme online potrebbe credere che gestire e comprendere i cosiddetti strumenti derivati sia un’attività che richiede competenze finanziare avanzate. In realtà, operare sulle Borse via internet diventa sempre più semplice ed immediato e al fine di realizzare dei guadagni interessanti occorre comprendere alcuni concetti base, imparare ad amministrare il capitale investito ed essere consapevole dei rischi.

I CFD, acronimo di Contracts For Difference, ossia contratti per differenza, sono una prova della facilità con la quale è possibile accedere alle operazioni finanziare tramite un computer ed una connessione internet. Con questo strumento si possono infatti realizzare dei profitti investendo su diversi beni quotati sui mercati finanziari senza dover necessariamente possedere l’asset in questione, come nel caso dell’acquisizione tradizionale di un titolo azionario. Acquistando un’azione di una società, si otterrà un eventuale profitto tramite i dividendi o rivendendo il titolo, in caso di una sua buona prestazione nel medio-lungo termine. In entrambi gli scenari, occorre attendere diversi mesi prima di ottenere i possibili guadagni e si dovrà andare incontro ad una particolare procedura amministrativa. Con i CFD tutto ciò non è più necessario: con le piattaforme di trading online si potrà aprire un conto, versare un deposito e investirne una parte in un asset, come ad esempio un’azione quotata in Borsa. Il capitale investito non verrà utilizzato per acquistare il titolo vero e proprio, bensì per acquisire CFD, il cui valore ricalca il prezzo dell’asset o sottostante. Le oscillazioni delle quotazioni potranno generare un eventuale profitto, che potrà essere realizzato chiudendo la posizione precedentemente aperta.

Si tratta di un sistema sicuramente non nuovo nel mondo della finanza (i derivati venivano utilizzati già nella Borsa di Amsterdam nel XVII secolo), ma che con l’avvento di internet e dei broker online ha permesso a qualsiasi possessore di PC o di smartphone di interagire in tempo reale con i mercati al fine di realizzare dei guadagni anche nell’arco di poche ore. Grazie alle operazioni intra-day è infatti possibile tentare di guadagnare delle somme utilizzando le posizioni lunghe combinate con lo strumento della leva finanziaria, che consente di amplificare i margini del guadagno impiegando somme superiori a quelle effettivamente possedute.

Come guadagnare nel trading sul Forex

Il trading Forex, il mercato delle valute internazionali, consente di realizzare dei profitti speculando sulle quotazioni delle monete. Osservando un’interfaccia di qualsiasi piattaforma, si potrà infatti notare che ogni valuta viene quotata costantemente in base ad un’altra, e questo dà vita alle cosiddette coppie valutarie, dette anche cross: al rafforzamento della prima, segue un indebolimento della seconda, e viceversa. Vediamo tramite un esempio come sia possibile ottenere dei guadagni operando con i cross tramite un computer da casa.

Ammettiamo di voler guadagnare con il trading online e di aver aperto un conto in euro e di voler investire sul cross EUR/GBP, ossia euro / sterlina inglese, la cui quotazione attuale è 0,7927. Ciò significa che ad ogni euro corrispondono 0,7927 centesimi di sterlina e, per contro, una sterlina equivale a 1,2615 euro. Con 100 euro potremo quindi ottenere 79,27 sterline, ed il nostro bilancio aggiornato sarebbe il seguente:

– 100 €
+ 79,27 £

Al fine di guadagnare un profitto da questa operazione, dovremo attendere un ulteriore rafforzamento della sterlina inglese nei confronti dell’euro, che si realizzerebbe se il valore di EUR/GBP si attestasse su una quotazione inferiore a 0,7927, o detto diversamente, nel caso in cui GBP/EUR presentasse un valore superiore a 1,2615. Se la situazione non dovesse mutare, cambiando le 79,27 £ al valore di 1,2615 riotterremo infatti i nostri 100 euro e non avremmo realizzato alcun profitto. Ammettiamo quindi che la quotazione di EUR/GBP sia ora 0,6666, il che equivale al corrispondente GBP/EUR di 1,5001. Questo rafforzamento ci è favorevole, in quanto incrementa il valore delle nostre sterline nei confronti dell’euro. Operando il cambio (79,27 * 1,5001 = 118,91), potremo in questo caso ottenere un guadagno, come si evince dal nuovo bilancio aggiornato:

+ 79,27 £ – 79,27 £ = 0
– 100 € + 118,91 € = + 18,91 €

Il profitto ricavato da questa operazione è quindi pari a 18,91 euro ed è il prodotto del rafforzamento di una valuta (la sterlina) su di un’altra (l’euro). Nel caso contrario, ossia di un suo indebolimento, avremmo subito un passivo, proporzionale all’entità della variazione. Questo dimostra che il guadagno non è sempre automatico nel trading sul Forex, in quanto occorre valutare il grado di rischio di ogni operazione.

Gastrite nervosa: sintomi e i giusti trattamenti

Gastrite La gastrite è l’infiammazione della mucosa gastrica. Questa situazione si verifica quando i succhi gastrici sono prodotti in quantità superiore al normale.

Sono moltissimi gli esperti che affermano che la causa principale della gastrite nervosa è dovuta ad uno stato psicologico.

I sintomi che si riscontrano sono molteplici:

  1. tosse secca persistente: in mancanza di episodi di raffreddamento, la tosse secca è un principale sintomo di infiammazione della mucosa gastrica e di reflusso gastroesofageo

  2. aumento degli episodi di defecazione: può rappresentare un altro sintomo

  3. gonfiore addominale

  4. nausea e vomito

  5. alitosi

  6. senso perenne di acidità nello stomaco

Se ci si accorge che i punti appena illustrati fanno parte della propria vita quotidiana, allora può darsi che si soffra di gastrite nervosa.

Come è possibile prevenire la gastrite nervosa?

gastrite nervosa

Come è stato illustrato precedentemente, la gastrite nervosa è fortemente legata ad uno stato psicologico: lo stress. Quindi la vita troppo stressante e frenetica ci può rendere sensibili all’insorgenza di tale problema.

Per tanto la prima cura è proprio la prevenzione. A tale riguardo è necessario prendere in considerazione i seguenti accorgimenti:

  • masticare lentamente: per poter prevenire l’infiammazione della mucosa gastrica, è necessario masticare il cibo molto lentamente

  • fare attività fisica: anche qui l’attività fisica gioca un ruolo determinante per il benessere psicologico

  • lavorare sulla respirazione: per prevenire tale disturbo può essere utile imparare a respirare con il diaframma.

Per quanto concerne invece il trattamento, sicuramente i farmaci donano sollievo ma è soltanto un momento transitorio, quello che è necessario fare è cambiare il proprio stile di vita, le proprie abitudini.

Quindi a tal senso è necessario stare molto attenti all’alimentazione. Sono da evitare tutti i cibi acidi e acidificanti, tutte le sostanze alcoliche e le bevande a base di caffeina.

E’ stato appurato da alcune ricerche che un alimento particolarmente utile per curare la gastrite nervosa è l’avocado.

E voi care lettrici cosa ne pensate?

Dimagrire con un pò di movimento quotidiano

Dimagrire-velocemente

Siete ferme da mesi (o da anni), ma avete finalmente capito che per poter dimagrire velocemente è necessario abbinare il giusto regime alimentare con un pò di sana dieta? Ebbene, niente paura: riprendere a fare un pò di movimento non è affatto difficile, anzi. Il consiglio è tuttavia quello di iniziare con un’attività semplice per non sovraccaricare l’organismo – né esigere troppo di colpo!, per esempio andando a camminare. Bellissimo articolo su come dimagrire velocemente sul sito Donna Beauty 

La camminata può infatti celare una ricca serie di benefici. Non ci credete? La camminata è facile, economica e tanto benefica, tanto che le ricerche scientifiche hanno dimostrato che agisce come una vera e propria medicina, molto apprezzata da tutto l’organismo.

Ma quanto bisogna camminare per averne benefici? In linea di massima, se iniziate a dedicare a questa attività circa 30 minuti al giorno a questa attività e lo fate a buon ritmo (non si tratta solo di passeggiare, ma di accelerare in maniera tale da solleticare le azioni dei muscoli), i benefici sono molti: potete infatti ridurre il colesterolo, contrastare l’ipertensione, tenere sotto controllo la glicemia, migliorare la capacità polmonare e ridurre anche il rischio di soffrire di cardiopatie e tumori.

Come se non bastasse, comunque, l’attività non serve solo a puntare a un dimagrimento veloce, bensì migliora l’umore e combatte l’ansia e lo stress.

Tornando all’obiettivo del dimagrire velocemente, giova segnalare come qualsiasi esercizio aerobico è efficace a questo scopo, se viene effettuato in modo corretto, ma soprattutto se si è sufficientemente costanti nel tempo. In tal merito, il nostro suggerimento, al fine di ottenere risultati duraturi nel tempo, è certamente quello di iniziare sempre con un ritmo lento e aumentarlo successivamente in modo progressivo. Bisogna dunque arrivare a un punto massimo (non bisogna superare l’80% della frequenza cardiaca massima), mantenere questa intensità per 20-25 minuti e tornare a ridurre gradualmente l’intensità dell’esercizio.

Per poter incrementare l’intensità, a vostra volta, dovreste cercare di aumentare la velocità della camminata, o camminare su una superficie con cambiamenti di terreno (pendenze, dislivelli), che incrementi la difficoltà di fruizione, o ancora usare bastoncini da nordic walking per enfatizzare il movimento coordinato di braccia e gambe. Un’altra possibilità è accrescere la resistenza all’esercizio, per esempio reggendo pesi da 500 grammi fra le mani o sacchetti di sabbia ai polsi.

Se infine fuori fa freddo e il tempo è brutto, niente vi vieta di organizzare una palestra in casa, o andare in una palestra per una sana socializzazione. Ricorrendo al tapis roulant, infatti, i I benefici sono esattamente gli stessi di una camminata. Dunque, quando il tempo non consente l’attività all’aperto, potete benissimo camminare sul tapis roulant, regolando la velocità e l’inclinazione della superficie su cui camminate. Comodo, no?

Broker opzioni binarie: meglio 24option o Optiontime?

opzioni binarie

Oggi vogliamo mettere a confronto 2 top broker di opzioni binarie: parliamo di 24option e Optiontime, entrambe 2 soluzioni validissime per fare trading sfruttando questo interessante strumento finanziario. Abbiamo voluto mettere a confronto questi 2 broker per il semplice motivo che, come molti sanno, le opzioni binarie sono diventate un vero e proprio tormentone.

Nel bene o nel male questo strumento ha caratterizzato l’attenzione dei media e dei trader al punto che anche molti broker hanno dovuto adeguarsi. Detto questo è bene prendere in considerazione anche un altro aspetto, ossia che il leader del settore, 24option, ha investito moltissimi soldi in pubblicità nello sport e questo ha garantito una grande visibilità un po a tutto il settore.

Insomma possiamo dire senza paura di essere smentiti, che l’investimento fatto da 24option, oltre ovviamente a rafforzare il brand dell’azienda, abbia contribuito a creare il fenomeno opzioni binarie. Fatta questa dovuta premessa passiamo al confronto tra i 2 broker.

Broker 24option. Per quanto riguarda 24option possiamo dire che questa piattaforma di trading binario offre davvero tutto quello che si può desiderare. Tra l’altro questo mese sono state introdotte delle interessanti novità tecniche che hanno contribuito a integrare ancora di più le funzionalità social nella piattaforma di investimento. Si tratta di un’innovazione interessante specialmente per quanto riguarda i principianti che possono trarre grandi benefici da questo upgrade. Nel complesso possiamo dire che il broker 24option funziona davvero bene e rimane, al momento, il punto di riferimento. Anche per quest’anno è stata rinnovata la sponsorizzazione della Juventus facendo capire ai competitors che la società intende investire ancora molto per consolidare la leadership. Ottima anche la scelta degli asset e la possibilità di diversificare il profilo di rischio.

Broker Optiontime. Per onore della cronaca va detto che Optiontime è una realtà decisamente più piccola di quella di 24option e che al momento risulta essere il numero 2. Tuttavia la qualità indiscussa della sua piattaforma di trading ne fanno una valida alternativa. Dal punto di vista della qualità e della sicurezza non ha nulla da invidiare a 24option e, anzi, ci è piaciuta molto la possibilità di analizzare il grafico dell’asset di nostro interesse direttamente dalla piattaforma.

Nel complesso il divario tra i 2 broker è più di brand che di qualità Entrambi offrono tutto quello che occorre al trader per sentirsi a proprio agio con gli investimenti. In conclusione possiamo dire che dalla sua 24option ha una maggiore funzionalità adattandosi perfettamente sia ad un utenza professionale che ad un utenza di trader amatoriali. Volendo indicare una scelta possiamo dire che entrambe le soluzioni solo validissime e che non resta che prendere una decisione in funzione delle proprie esigenze e delle proprie peculiarità.

Chiavette internet: tutto quello da sapere

Chiavette internet

Con l’elevato aumento quotidiano di servizi tecnologici riguardanti soprattutto la nascita di piattaforme di social network, posta elettronica, e file sharing si stanno diffondendo sempre di più oggi le famose internet key, le ormai ben note chiavette USB in grado di offrire una connessione ad alta velocità ovunque vi si trovi. Sono ancora in molti però ad essere piuttosto dubitosi riguardo l’efficacia di questi nuovi sistemi di connessione, soprattutto perché convinti che le prestazioni e dunque le velocità siano scadenti e non affidabili. D’altro luogo invece bisogna precisare che le internet key prodotte dai vari gestori di telefonia lavorano sopratutto con connessioni di tipo HSDPA, dunque nettamente superiori di sicuro rispetto alle vecchie GPRS o UMTS.

Le chiavette internet si presentano al loro interno dotate di una vera e propria scheda sim, intestata al momento dell’acquisto, sulla quale viene attivato un piano tariffario necessario per la navigazione; insomma proprio come avviene per un cellulare. Il vantaggio inoltre è che esse sono plug and play quindi facilmente rimuovibili. E’ possibile sottoscrivere un abbonamento a consumo oppure flat, a seconda delle proprie necessità.

Vodafone spiazza tutti con le sue strepitose offerte Internet Sempre Smart, Internet Sempre Super e Internet Sempre Top. Sempre Smart offre a soli 9 euro al mese 1GB di traffico e una velocità fino a 1.8 Mbps. Sempre Super invece 3GB e 7.2 Mbps a 19 euro/mese. A seguire Sempre Top a 29 euro al mese e 5GB con connessione 28.8 Mbps. Wind rilancia con altrettante proposte allettanti. Super Internet Unlimited per navigare i primi 12 mesi a soli 10 euro al mese anziché 20 senza limiti di tempo. Vasta la gamma di internet key disponibili, per tutte le esigenze e per tutte le tasche; da un minimo di 39 euro ad un massimo di 89 euro. Tim presenta Internet 40 con chiavetta, la promozione da non perdere se desideri un abbonamento a tempo: 40 ore a 5 euro/mese con chiavetta da 49 euro, oppure la variante Internet 100 con 100 ore a soli 10 euro al mese. Stuzzicante anche la promozione per gli innamorati. A soli 99 euro al mese anziché 182, San Valentino special edition, con chiavetta 14.4 e 40 ore al mese.

Da notare che la maggior parte degli abbonamenti a tempo sono soggette però ad una fastidiosa regola: ogni connessione viene divisa in sessioni da 15 minuti con addebito preventivo, ossia se si rimane connessi per 4 minuti o per 14, si consuma comunque una sessione intera. Ciò porta dunque un ipotetico cliente a sottoscrivere un abbonamento flat senza limiti di tempo ma con un massimo di traffico di cui usufruire oltre il quale vengono applicati i costi della tariffa base (che spesso superano anche i 6 euro per mega). Insomma la scelta di una buona offerta per l’acquisto di una internet key va fatta attentamente secondo le proprie preferenze, senza farsi prendere troppo dai prezzi incoraggianti

Prestiti personali: alcune considerazioni sulle garanzie

Quando si ha bisogno di un prestito personale la prima cosa a cui si dovrebbe pensare è quella di poter offrire le giuste garanzie alla banca o alla finanziaria a cui si intende fare richiesta.

Come tutti ben sappiamo, infatti, qualsiasi istituto di credito pretende delle solide garanzie reddituali per poter erogare il finanziamento. Come ha sottolineato lo staff di prestitipersonalinews.myblog.it in un recente articolo, è buona norma considerare sempre che la rata non dovrebbe superare il 20% del proprio reddito.

D’altronde con la crisi economica gli istituti di credito sono diventati “meno tolleranti” rispetto al passato e spesso viene richiesta anche la seconda firma a garanzia del capitale erogato. Tuttavia esistono delle eccezioni che sono rappresentate dai cosidetti prestiti personali senza busta paga. Si tratta di prodotti di nicchia che vengono erogati solo in presenza di particolari condizioni e che possono fare la differenza per molte persone che altrimenti sarebbero tagliate fuori dal credito.

Ma la forma più diffusa di finanziamento è quella che prevede la cessione del quinto della busta paga. Il motivo di tale successo? Il finanziamento viene erogato in tempi molto brevi e permette di ottenere un ottimo tasso di interesse. Vediamo nel dettaglio cosa sono e come funzionano questi prestiti.

Prestiti personali con cessione del quinto della busta paga

La busta paga fissa rappresenta, al giorno d’oggi, una delle maggiori garanzie per poter usufruire di prestiti personali, grazie all’ampia diffusione del rimborso tramite cessione del quinto dello stipendio che lascia la massima tranquillità all’utente che trae beneficio dal finanziamento. Ciò avviene grazie al prelievo automatico della somma concordata, che verrà sottratto ogni mese direttamente dalla busta paga del lavoratore, a seguito del suo consenso unito a quello dell’ente presso il quale il dipendente è impiegato.

Concentrandoci sul funzionamento della cessione del quinto, non è complicato capire da cosa deriva il termine e come mai si tratta dell’opzione preferita sia dagli istituti che dagli utenti. Con “quinto” si definisce la parte di stipendio che verrà prelevata per il rimborso ogni mese, che potrà essere pari ad un massimo del 20% sull’importo netto percepito.

Così facendo, l’utente non sarà sottoposto a grossi sacrifici e soprattutto non dovrà preoccuparsi ogni mese di saldare il debito, in quanto la tipologia di prestiti personali in questione prevede il versamento automatico delle rate. Basterà, dunque, informarsi sui tassi e chiedere l’autorizzazione al proprio datore di lavoro, per far partire con la massima immediatezza il prestito.

Miglior Entry Level per Windows Phone

Microsoft Lumia

Se siete interessati al mondo dei Microsoft Lumia e più in generale a quello dei Windows Phone potrebbe allora servirvi una mano per entrare in contatto con una realtà che si sta affermando nel mercato degli smartphone e che in vista del futuro Windows 10 potrebbe godere di un nuovo grande slancio.
Non mancano le soluzioni pensate da Microsoft per gli utenti, ma tra le tante a disposizione noi oggi ci porremmo l’obiettivo di parlarvi del miglior smartphone Windows Phone che potrete acquistare come entry level, ovvero per entrare in contatto con questo mondo senza dover spendere cifre consistenti.

Parliamo infatti del Microsoft Nokia Lumia 530, il device con Windows Phone 8.1 (in attesa di Windows 10 in arrivo il 29 Luglio) che si colloca direttamente tra i migliori smartphone sotto i 100 euro.


Parliamo quindi di un prodotto dal prezzo veramente contenuto, ma non dell’ennesima cinesata o prodotto economico che mostrano il loro basso prezzo praticamente ad ogni occhiata. Parliamo di un buon prodotto che per meno di 100€, per l’esattezza a circa 60/70€, vi mette a disposizione intanto caratteristiche tecniche di tutto rispetto, andiamo in particolare a leggerle nel dettaglio.

DISPLAY
Il display che troviamo è un LCD da 4 pollici con una buonissima densità per pixel pari a 245 ppi, superiore a quasi tutti gli smartphone Android della stessa categoria, cosa che quindi rende questo schermo particolarmente luminoso e definito, per essere il display di un telefono a basso costo.

HARDWARE
Troviamo un ottimo Qualcomm Snapdragon 200 di tipo quad core con frequenza pari a 1.2 GHz, accoppiata ad una Adreno 302 e a 512 MB di memoria RAM, abbiamo inoltre una memoria interna da 4 gigabyte espandibile tramite Micro SD. Caratteristiche più che buone, per un terminale che punta innanzitutto a svolgere il ruolo di telefonino e smartphone base, ovvero messaggistica, internet browsing e poco altro. Non aspettatevi ovviamente prestazioni fulminee, ma l’ottimizzazione Windows Phone si fa sentire su questo modello.

FOTO
Manca la fotocamera anteriore, ed è una pecca per i “malati di selfie”, quella posteriore invece si presenta con un sensore da 5 Megapixel a disposizione, niente di più o di meno di quello che gli altri smartphone della stessa fascia di prezzo offrono.

CONCLUSIONI
Un buon smartphone per entrare in contatto per la prima volta con l’universo Windows Phone e non solo, grazie ad un prezzo bassissimo e caratteristiche migliori di molti dei concorrenti nella stessa fascia di prezzo.

Tagli corti uomo, le tendenze del prossimo autunno

corti-uomo

L’estate è ancora ben lungi dall’esaurire tutta la propria forza, ma è giunto il momento di concentrarsi su quel che accadrà nel corso del prossimo autunno sul fronte dei tagli corti uomo: quali saranno le tendenze dei prossimi mesi in tal senso?

Una prima linea di tendenza non può che essere attribuibile ai capelli corti con ciuffo: un look che fornisce un movimento ideale e permette di ricreare uno stile diverso dal solito, garantendo un buon dinamismo e un minore irrigidimento su look troppo rigorosi. Questo taglio è inoltre molto apprezzato soprattutto da coloro i quali hanno una chioma non liscia, come la mossa e la riccia, che possono trovarsi a proprio agio nella sfoltitura del volume dei capelli dietro e ai lati, per lasciare poi liberi i capelli di sfogarsi nella parte superiore. Nel caso in cui l’evento lo richieda, il ciuffo può essere piegato all’indietro o di lato, rendendo la pettinatura più sobria ed elegante.

Tra gli altri tagli di capelli corti uomo più consigliati c’è anche la soluzione dei corti con frangia, a lungo gettonata per tutti gli uomini stempiati, che in questo modo possono coprire la parte scoperta della propria fronte. Intramontabile, almeno per i prossimi mesi, anche il doppio taglio: un taglio di capelli corti uomo che non ha età, con rasatura forte sulle parti laterali e sulla zona posteriore della testa, per poi accorciare – senza esagerare – quella superiore.

Infine, tra i tagli corti uomo del prossimo autunno, non possiamo che segnalare quelli tirati all’indietro: una pettinatura che richiede un minimo di lunghezza sulla parte superiore (altrimenti i capelli rimarrebbero eccessivamente “sparati” verso l’alto), e che prevede che i capelli siano gettati all’indietro solamente sulla parte superiore, a creare una leggera onda che andrà a creare un discreto volume all’intero viso, regalando inoltre qualche centimetro in più ai ragazzi che non sono proprio… “altissimi”.

Che cos’è la Borsa e come investire online

Borsa

Ovunque si parla di Borsa e dei mercati ad essa collegati, ma nessuno spiega veramente che cos’è. Ci abbiamo provato noi, di seguito, con alcune semplici parole volte a far capire ai curiosi la definizione generica, per poi passare alla pratica con i metodi che ci consentono di investire online sui titoli azionari e obbligazionari.

La cosiddetta Borsa valori è, in parole povere, il luogo dove, ogni giorno, avviene la negoziazione di titoli emessi dalle società quotate. Queste contrattazioni avvengono in ogni parte del mondo: particolarmente nota Wall Street a New York, mentre in Italia il centro degli investimenti si trova a Milano, presso Piazza Affari. Vediamo, quindi, come investire e guadagnare con la borsa.

Investire in borsa

Al giorno d’oggi è possibile guadagnare con l’investimento in titoli di Borsa grazie ai broker online di opzioni binarie e contratti per differenza, acquistando derivati che fanno riferimento alle quotazioni reali delle azioni e di molti altri strumenti finanziari e non, come valute e materie prime. Il tutto avverrà senza commissioni (al contrario del prezzo che bisogna pagare agli intermediari con i metodi più comuni) e in base alle decisioni dell’utente, che avrà la piena autonomia nella gestione del suo account e delle mosse che vorrà effettuare.

Per investire in borsa da casa, quindi è necessario studiare le basi del trading e scegliere un buon broker che ci permetta di avere una piattaforma sempre disponibile ed efficiente per poter guadagnare con la borsa. A questo punto non ci resta che dare uno sguardo a quello che offre il mercato per capire quali sono i migliori broker per fare trading in borsa.

Broker per investire in borsa

Tra i migliori broker per investire in borsa non possiamo non segnalare alcuni pezzi da 90 come plus500, 24option e Fineco. Plus500 è un broker specializzato in contratti per differenza e permette di investire in molti asset differenti senza dover pagare commissioni di alcun tipo.

Anche 24option permette di fare trading professionale senza pagare commissioni ma lo strumento è differente, perchè qui parliamo di opzioni binarie. Infine non possiamo non citare Fineco, un broker che negli anni ha conquistato un nutrito gruppo di trader italiani con una piattaforma semplice e  versatile che permette di investire in borsa anche se non si è dei professionisti del settore.

Insomma a questo punto dovresti esserti fatto un’idea di quello che è la borsa e di come investire sui mercati finanziari. Ora sta a te metterti all’opera e cominciare a studiare per diventare un trader!