Prestiti cambializzati online, migliorano le condizioni familiari

prestiti1

Il settore dei prestiti cambializzati online economici sta ricevendo particolari attenzioni, da parte del pubblico e degli addetti ai lavori, a seguito di un periodo (che dura tutt’ora) in cui prevale la carenza di risorse economiche da destinare a qualsivoglia tipologia di bisogno, primario secondario che sia. Una situazione di emergenza, quindi, che in un modo o nell’altro sta spingendo a migliorare l’offerta in tal senso favorendone l’acquisto mediante la proposizione di tassi agevolati, rate dall’importo modificabile, bonus commerciali e molto altro ancora. Una visione d’insieme dinamica al servizio dei cittadini, sempre più bisognosi di un’assistenza varia e funzionale.

In tutto questo contesto giocano un ruolo fondamentale i prestiti cambializzati online. Si tratta di finanziamenti che vengono erogati tramite l’emissione di cambiali e che possono rappresentare un’ottima opportunità per accedere al credito a condizioni vantaggiose pur avendo poche garanzie reddituali da offrire alla banca o alla finanziaria.

L’evoluzione di questo ambito economico estremamente delicato è giunta ad uno stadio in cui riesce a diversificare il proprio modus operandi adattandosi a quelle che sono le esigenze clientelari. Ne è la prova il miglioramento delle condizioni familiari registrato durante l’ultimo anno, rafforzatesi in maniera concreta grazie anche ad un aumento dello 0’8% del reddito reale disponibile. Uno step beneaugurante per risalire la china e riaffacciarsi su una dimensione civile e sociale che sia in grado di accontentare tutti, dal ceto più agiato a quello meno abbiente. Una svolta necessaria, quest’ultima, per porre l’Italia sullo stesso piano delle potenze economiche internazionali.

Gli indicatori sul clima di fiducia generale, sia dal punto di vista delle società di erogazione creditizia che delle famiglie, registrano livelli di rendimento elevati nonostante la recente volatilità dei mercati. I nuclei familiari, a prescindere dalla loro composizione, beneficiano di tassi di interesse estremamente bassi; inoltre, nei primi mesi del 2015 la ricchezza finanziaria delle famiglie ha registrato una crescita dell’1,8%, che tradotto in termini economici equivale a circa 70 miliardi di euro da ripartire tra i seguenti effetti finanziari: diversificazione del portafoglio, aumento delle attività, combinazioni più efficaci tra rischi e rendimenti. Insomma, un discorso a tutto tondo altamente funzionale.

Al di là di queste valutazioni, è bene ricordare il fondamentale apporto dato da società pubbliche e private in favore della popolazione mediante pianificazioni commerciali a dir poco accattivanti. Prestiti tra privati, prestiti etici, prestiti pubblici, prestiti cambializzati online e molto altro ancora si adeguano, in maniera ineccepibile, a ciò che l’utente desidera ad ogni costo.

Guadagnare con il trading online: la guida completa

trading online

Se in passato le attività in Borsa erano riservate solo agli operatori finanziari, ora è possibile realizzare dei profitti direttamente da casa grazie alle piattaforme di trading online. Aprire un account ed iniziare ad interagire con i mercati internazionali è un’operazione che sta diventando sempre più semplice e richiede poche mosse. Anzitutto occorre selezionare un broker sicuro quanto affidabile, sia che si operi con le opzioni binarie che con i CFD e le valute internazionali del Forex. Affidarsi alle piattaforme che esibiscono nei propri siti ufficiali le licenze degli enti di regolamentazione delle transazioni online è sempre consigliato, in quanto tali autorizzazioni rappresentano delle garanzie di sicurezza per il trader. Una volta selezionato il broker, si potranno scegliere tra diverse tipologie di account, a seconda delle proposte della società, ognuna associata a dei servizi e a dei bonus di benvenuto, che potranno corrispondere ad una quota fissa o ad una percentuale sul primo deposito versato.

La maggior parte delle piattaforme di trading Forex e di CFD richiede dei versamenti generalmente non inferiori a 100 e 200 euro, mentre con le opzioni binarie si potranno attivare conti anche con un deposito minimo di soli 10 euro. Per finalizzare la procedura di attivazione dell’account, viene di solito richiesta la compilazione di un modulo online, al quale andrà allegata una copia scannerizzata di un documento d’identità. Gli sviluppi dell’home banking e dei servizi di pagamento elettronico hanno reso le procedure di deposito presso un broker particolarmente rapide, e molte piattaforme utilizzano i servizi dei più importanti circuiti delle carte di credito, delle prepagate (come PostaPay) e di PayPal, Skrill o Neteller.

Ancor prima di iniziare ad effettuare i primi ordini con gli importi reali nel trading online, si consiglia sempre di dedicare del tempo alle esercitazioni con un conto demo, che consentirà così di acquisire familiarità con le funzioni dell’interfaccia impiegando delle somme virtuali, senza intaccare il capitale reale dell’account. Solo una volta raggiunta una sufficiente dimestichezza con le funzioni dell’interfaccia si consiglia di iniziare il trading vero e proprio, che richiede prontezza di riflessi, capacità di gestione del rischio e abilità nella lettura degli scenari economici in divenire. Un demo account potrà essere utile proprio per affinare queste competenze e non farsi trovare impreparati al momento di affrontare le turbolenze finanziarie del trading online.

Fonte: http://www.tradingonlineguida.com/corso-trading/guadagnare-online/

Come guadagnare con il trading sui CFD 

Chi non ha mai avuto esperienza di trading con le piattaforme online potrebbe credere che gestire e comprendere i cosiddetti strumenti derivati sia un’attività che richiede competenze finanziare avanzate. In realtà, operare sulle Borse via internet diventa sempre più semplice ed immediato e al fine di realizzare dei guadagni interessanti occorre comprendere alcuni concetti base, imparare ad amministrare il capitale investito ed essere consapevole dei rischi.

I CFD, acronimo di Contracts For Difference, ossia contratti per differenza, sono una prova della facilità con la quale è possibile accedere alle operazioni finanziare tramite un computer ed una connessione internet. Con questo strumento si possono infatti realizzare dei profitti investendo su diversi beni quotati sui mercati finanziari senza dover necessariamente possedere l’asset in questione, come nel caso dell’acquisizione tradizionale di un titolo azionario. Acquistando un’azione di una società, si otterrà un eventuale profitto tramite i dividendi o rivendendo il titolo, in caso di una sua buona prestazione nel medio-lungo termine. In entrambi gli scenari, occorre attendere diversi mesi prima di ottenere i possibili guadagni e si dovrà andare incontro ad una particolare procedura amministrativa. Con i CFD tutto ciò non è più necessario: con le piattaforme di trading online si potrà aprire un conto, versare un deposito e investirne una parte in un asset, come ad esempio un’azione quotata in Borsa. Il capitale investito non verrà utilizzato per acquistare il titolo vero e proprio, bensì per acquisire CFD, il cui valore ricalca il prezzo dell’asset o sottostante. Le oscillazioni delle quotazioni potranno generare un eventuale profitto, che potrà essere realizzato chiudendo la posizione precedentemente aperta.

Si tratta di un sistema sicuramente non nuovo nel mondo della finanza (i derivati venivano utilizzati già nella Borsa di Amsterdam nel XVII secolo), ma che con l’avvento di internet e dei broker online ha permesso a qualsiasi possessore di PC o di smartphone di interagire in tempo reale con i mercati al fine di realizzare dei guadagni anche nell’arco di poche ore. Grazie alle operazioni intra-day è infatti possibile tentare di guadagnare delle somme utilizzando le posizioni lunghe combinate con lo strumento della leva finanziaria, che consente di amplificare i margini del guadagno impiegando somme superiori a quelle effettivamente possedute.

Come guadagnare nel trading sul Forex

Il trading Forex, il mercato delle valute internazionali, consente di realizzare dei profitti speculando sulle quotazioni delle monete. Osservando un’interfaccia di qualsiasi piattaforma, si potrà infatti notare che ogni valuta viene quotata costantemente in base ad un’altra, e questo dà vita alle cosiddette coppie valutarie, dette anche cross: al rafforzamento della prima, segue un indebolimento della seconda, e viceversa. Vediamo tramite un esempio come sia possibile ottenere dei guadagni operando con i cross tramite un computer da casa.

Ammettiamo di voler guadagnare con il trading online e di aver aperto un conto in euro e di voler investire sul cross EUR/GBP, ossia euro / sterlina inglese, la cui quotazione attuale è 0,7927. Ciò significa che ad ogni euro corrispondono 0,7927 centesimi di sterlina e, per contro, una sterlina equivale a 1,2615 euro. Con 100 euro potremo quindi ottenere 79,27 sterline, ed il nostro bilancio aggiornato sarebbe il seguente:

– 100 €
+ 79,27 £

Al fine di guadagnare un profitto da questa operazione, dovremo attendere un ulteriore rafforzamento della sterlina inglese nei confronti dell’euro, che si realizzerebbe se il valore di EUR/GBP si attestasse su una quotazione inferiore a 0,7927, o detto diversamente, nel caso in cui GBP/EUR presentasse un valore superiore a 1,2615. Se la situazione non dovesse mutare, cambiando le 79,27 £ al valore di 1,2615 riotterremo infatti i nostri 100 euro e non avremmo realizzato alcun profitto. Ammettiamo quindi che la quotazione di EUR/GBP sia ora 0,6666, il che equivale al corrispondente GBP/EUR di 1,5001. Questo rafforzamento ci è favorevole, in quanto incrementa il valore delle nostre sterline nei confronti dell’euro. Operando il cambio (79,27 * 1,5001 = 118,91), potremo in questo caso ottenere un guadagno, come si evince dal nuovo bilancio aggiornato:

+ 79,27 £ – 79,27 £ = 0
– 100 € + 118,91 € = + 18,91 €

Il profitto ricavato da questa operazione è quindi pari a 18,91 euro ed è il prodotto del rafforzamento di una valuta (la sterlina) su di un’altra (l’euro). Nel caso contrario, ossia di un suo indebolimento, avremmo subito un passivo, proporzionale all’entità della variazione. Questo dimostra che il guadagno non è sempre automatico nel trading sul Forex, in quanto occorre valutare il grado di rischio di ogni operazione.

Broker opzioni binarie: meglio 24option o Optiontime?

opzioni binarie

Oggi vogliamo mettere a confronto 2 top broker di opzioni binarie: parliamo di 24option e Optiontime, entrambe 2 soluzioni validissime per fare trading sfruttando questo interessante strumento finanziario. Abbiamo voluto mettere a confronto questi 2 broker per il semplice motivo che, come molti sanno, le opzioni binarie sono diventate un vero e proprio tormentone.

Nel bene o nel male questo strumento ha caratterizzato l’attenzione dei media e dei trader al punto che anche molti broker hanno dovuto adeguarsi. Detto questo è bene prendere in considerazione anche un altro aspetto, ossia che il leader del settore, 24option, ha investito moltissimi soldi in pubblicità nello sport e questo ha garantito una grande visibilità un po a tutto il settore.

Insomma possiamo dire senza paura di essere smentiti, che l’investimento fatto da 24option, oltre ovviamente a rafforzare il brand dell’azienda, abbia contribuito a creare il fenomeno opzioni binarie. Fatta questa dovuta premessa passiamo al confronto tra i 2 broker.

Broker 24option. Per quanto riguarda 24option possiamo dire che questa piattaforma di trading binario offre davvero tutto quello che si può desiderare. Tra l’altro questo mese sono state introdotte delle interessanti novità tecniche che hanno contribuito a integrare ancora di più le funzionalità social nella piattaforma di investimento. Si tratta di un’innovazione interessante specialmente per quanto riguarda i principianti che possono trarre grandi benefici da questo upgrade. Nel complesso possiamo dire che il broker 24option funziona davvero bene e rimane, al momento, il punto di riferimento. Anche per quest’anno è stata rinnovata la sponsorizzazione della Juventus facendo capire ai competitors che la società intende investire ancora molto per consolidare la leadership. Ottima anche la scelta degli asset e la possibilità di diversificare il profilo di rischio.

Broker Optiontime. Per onore della cronaca va detto che Optiontime è una realtà decisamente più piccola di quella di 24option e che al momento risulta essere il numero 2. Tuttavia la qualità indiscussa della sua piattaforma di trading ne fanno una valida alternativa. Dal punto di vista della qualità e della sicurezza non ha nulla da invidiare a 24option e, anzi, ci è piaciuta molto la possibilità di analizzare il grafico dell’asset di nostro interesse direttamente dalla piattaforma.

Nel complesso il divario tra i 2 broker è più di brand che di qualità Entrambi offrono tutto quello che occorre al trader per sentirsi a proprio agio con gli investimenti. In conclusione possiamo dire che dalla sua 24option ha una maggiore funzionalità adattandosi perfettamente sia ad un utenza professionale che ad un utenza di trader amatoriali. Volendo indicare una scelta possiamo dire che entrambe le soluzioni solo validissime e che non resta che prendere una decisione in funzione delle proprie esigenze e delle proprie peculiarità.

Prestiti personali: alcune considerazioni sulle garanzie

Quando si ha bisogno di un prestito personale la prima cosa a cui si dovrebbe pensare è quella di poter offrire le giuste garanzie alla banca o alla finanziaria a cui si intende fare richiesta.

Come tutti ben sappiamo, infatti, qualsiasi istituto di credito pretende delle solide garanzie reddituali per poter erogare il finanziamento. Come ha sottolineato lo staff di prestitipersonalinews.myblog.it in un recente articolo, è buona norma considerare sempre che la rata non dovrebbe superare il 20% del proprio reddito.

D’altronde con la crisi economica gli istituti di credito sono diventati “meno tolleranti” rispetto al passato e spesso viene richiesta anche la seconda firma a garanzia del capitale erogato. Tuttavia esistono delle eccezioni che sono rappresentate dai cosidetti prestiti personali senza busta paga. Si tratta di prodotti di nicchia che vengono erogati solo in presenza di particolari condizioni e che possono fare la differenza per molte persone che altrimenti sarebbero tagliate fuori dal credito.

Ma la forma più diffusa di finanziamento è quella che prevede la cessione del quinto della busta paga. Il motivo di tale successo? Il finanziamento viene erogato in tempi molto brevi e permette di ottenere un ottimo tasso di interesse. Vediamo nel dettaglio cosa sono e come funzionano questi prestiti.

Prestiti personali con cessione del quinto della busta paga

La busta paga fissa rappresenta, al giorno d’oggi, una delle maggiori garanzie per poter usufruire di prestiti personali, grazie all’ampia diffusione del rimborso tramite cessione del quinto dello stipendio che lascia la massima tranquillità all’utente che trae beneficio dal finanziamento. Ciò avviene grazie al prelievo automatico della somma concordata, che verrà sottratto ogni mese direttamente dalla busta paga del lavoratore, a seguito del suo consenso unito a quello dell’ente presso il quale il dipendente è impiegato.

Concentrandoci sul funzionamento della cessione del quinto, non è complicato capire da cosa deriva il termine e come mai si tratta dell’opzione preferita sia dagli istituti che dagli utenti. Con “quinto” si definisce la parte di stipendio che verrà prelevata per il rimborso ogni mese, che potrà essere pari ad un massimo del 20% sull’importo netto percepito.

Così facendo, l’utente non sarà sottoposto a grossi sacrifici e soprattutto non dovrà preoccuparsi ogni mese di saldare il debito, in quanto la tipologia di prestiti personali in questione prevede il versamento automatico delle rate. Basterà, dunque, informarsi sui tassi e chiedere l’autorizzazione al proprio datore di lavoro, per far partire con la massima immediatezza il prestito.

Che cos’è la Borsa e come investire online

Borsa

Ovunque si parla di Borsa e dei mercati ad essa collegati, ma nessuno spiega veramente che cos’è. Ci abbiamo provato noi, di seguito, con alcune semplici parole volte a far capire ai curiosi la definizione generica, per poi passare alla pratica con i metodi che ci consentono di investire online sui titoli azionari e obbligazionari.

La cosiddetta Borsa valori è, in parole povere, il luogo dove, ogni giorno, avviene la negoziazione di titoli emessi dalle società quotate. Queste contrattazioni avvengono in ogni parte del mondo: particolarmente nota Wall Street a New York, mentre in Italia il centro degli investimenti si trova a Milano, presso Piazza Affari. Vediamo, quindi, come investire e guadagnare con la borsa.

Investire in borsa

Al giorno d’oggi è possibile guadagnare con l’investimento in titoli di Borsa grazie ai broker online di opzioni binarie e contratti per differenza, acquistando derivati che fanno riferimento alle quotazioni reali delle azioni e di molti altri strumenti finanziari e non, come valute e materie prime. Il tutto avverrà senza commissioni (al contrario del prezzo che bisogna pagare agli intermediari con i metodi più comuni) e in base alle decisioni dell’utente, che avrà la piena autonomia nella gestione del suo account e delle mosse che vorrà effettuare.

Per investire in borsa da casa, quindi è necessario studiare le basi del trading e scegliere un buon broker che ci permetta di avere una piattaforma sempre disponibile ed efficiente per poter guadagnare con la borsa. A questo punto non ci resta che dare uno sguardo a quello che offre il mercato per capire quali sono i migliori broker per fare trading in borsa.

Broker per investire in borsa

Tra i migliori broker per investire in borsa non possiamo non segnalare alcuni pezzi da 90 come plus500, 24option e Fineco. Plus500 è un broker specializzato in contratti per differenza e permette di investire in molti asset differenti senza dover pagare commissioni di alcun tipo.

Anche 24option permette di fare trading professionale senza pagare commissioni ma lo strumento è differente, perchè qui parliamo di opzioni binarie. Infine non possiamo non citare Fineco, un broker che negli anni ha conquistato un nutrito gruppo di trader italiani con una piattaforma semplice e  versatile che permette di investire in borsa anche se non si è dei professionisti del settore.

Insomma a questo punto dovresti esserti fatto un’idea di quello che è la borsa e di come investire sui mercati finanziari. Ora sta a te metterti all’opera e cominciare a studiare per diventare un trader!